Cibi e alimenti per aiutare la memoria a funzionare meglio

Alimenti che aiutano la memoria e il cervello a funzionare meglio

L'attività cerebrale richiede una serie di incentivi tutto il giorno, per dare le migliori prestazioni. Il cibo è molto importante da questo punto di vista. Certi alimento hanno un ruolo molto importante in questo aspetto, poiché contengono delle sostanze e vitamine che aiutano il cervello e quindi anche la memoria a funzionare meglio.

alimenti per aiutare la memoria e la concentrazionejpg


In questo articolo vi mostriamo alcuni cibi che stimolano l'attività cerebrale a breve termine, ma sono raccomandati anche per periodi di prolungato sforzo intellettuale, e per la prevenzione di vari problemi che riguardano il corretto funzionamento del cervello.

Peperoni per una memoria di ferro

I Peperoni sono un ottimo alimento per aiutare la mente a funzionare meglio. Potete guarnirci il pranzo e vi permetterà di concentrarvi molto meglio quando avete un periodo intellettualmente o mentalmente impegnativo, eviterete lo stato di irritabilità o insonnia che si verificano come conseguenza del consumo di caffè.
Infatti i Peperoni contengono grandi quantità di vitamina C, molto utile per la funzione delle cellule nervose. Un elevato consumo di vitamina C migliora il vostro umore, come dimostrato da un recente studio di Nutrizione Umana e Clinica.

Patate per dare nutrimento alla memoria

In caso di un adulto, Il cervello assorbe circa il 20% dell'energia fornita attraverso il cibo. Il cervello dei bambino ne usa di più. Il mantenimento di un adeguato livello di glucosio nel sangue provoca un flusso costante di energia nel cervello. Secondo alcuni studi, un livello elevato di glucosio aiuta la memoria a funzionare meglio.
Gli alimenti amidacei, come patate al forno, offrono una fonte costante di energia, perché la loro struttura di carboidrati, vengono digeriti più lentamente degli zuccheri dolci o raffinati.

Semi di zucca e memoria

Mangiare semi di zucca, che potrebbe fare da spuntino prima o dopo il pranzo, permetterà una sostanziale assunzione di ferro del corpo. L'assenza di riserve di ferro nel corpo riduce l'ossigeno nel cervello. Inoltre, la carenza di ferro favorisce la produzione di neurotrasmettitori, sostanze chimiche che consentono alle cellule nervose di trasmettere messaggi.
I sintomi della carenza di ferro includono irritabilità, incapacità di concentrazione e perdita di memoria. Secondo un recente studio, la mancanza di ferro nel talamo, una parte del cervello, può portare a un deficit dell'attenzione (ADHD).

Uova e triptofato per migliorare le funzioni celebrali

Il Triptofano, è un aminoacido contenuto nell'uovo, è strettamente legato ad alcune funzioni cerebrali come il sonno, la sensibilità al dolore e il controllo di stati emotivi. Tramite un un esperimento si è scoperto che la mancanza di triptofano riduce la capacità delle persone di percepire le emozioni espresse dai volti degli altri.
Il corpo non può produrre triptofano, per cui deve essere assunto attraverso il cibo. Le uova sono tra i cibi con i più alti livelli di triptofano.

Ostriche e grano con alti livelli di zinco

Lo zinco svolge un ruolo essenziale nel funzionamento ottimale del cervello, facilitando la comunicazione tra neuroni e il funzionamento interno delle cellule nervose. Bassi livelli di zinco provocano danni neuronali e la comparsa di ictus, epilessia e il morbo di Alzheimer.
Le ostriche contengono alti livelli di zinco. I vegetariani invece assumono zinco dal grano.

Manzo e vitamina B12 per aiutare la memoria

Il manzo contiene una concentrazione molto elevata di vitamina B12. E' stato dimostrato da diversi studi che la vitamina B12 è legata al volume del cervello.
Una carenza di vitamina B12 dovrebbe essere evitata, per evitare problemi irreversibili al sistema nervoso . I sintomi della carenza di vitamina B12 includono perdita di memoria, dolore vari o sensazioni insolite agli arti.

Mandorle con vitamina E per la memoria

Le mandorle sono ricche di vitamina E, che svolge un ruolo fondamentale nel prevenire i danni alle cellule nervose. La vitamina E è anche coinvolta nel processo di conoscenza che coinvolge l'attenzione, la memoria, l'apprendimento e le altre funzioni mentali. Studi di laboratorio sui topi hanno dimostrato che la vitamina E contribuisce al recupero neuronale dopo alcune lesioni non gravi al cervello.

Sale iodato produce ormoni utili alla memoria

Il sale iodato sui semi di zucca o sulle patate al forno, ha una serie di vantaggi per la produzione di ormoni tiroidei strettamente legata alla buona salute del cervello. Nei neonati, la carenza di iodio implica l'insorgenza di malattia mentali e mancato sviluppo fisico.