I funghi, si possono mangiare in gravidanza o allattamento. O bisogna evitarli?

Le donne incinte possono mangiare funghi

In gravidanza ci sono molti dubbi su gli alimenti che si devono evitare, i funghi non rientrano tra questi. Si possono consumare anche in dolce attesa seguendo alcune raccomandazioni. I funghi sono un alimento con pochissime calorie e questa è una caratteristica ottima per le donne gravide.

SCOPRI: TUTTO QUELLO CHE TI SERVE PER IL TUO BAMBINO SU AMAZON

Grazie al suo alto contenuto di fosforo, i funghi sono alimenti sicuri nella dieta delle donne in gravidanza, bambini e adolescenti, questo minerale svolge un ruolo importante nella formazione di ossa e denti. Il suo contenuto di ergosterolo, una sostanza nel corpo che viene convertito in vitamina D, migliorano l'utilizzazione di calcio e fosforo e promuovono la mineralizzazione dell'osso.

Inoltre durante la gravidanza e l'allattamento la richiesta di iodio aumenta e, pertanto, si deve garantire un apporto sufficiente di cibi ricchi di iodio come frutti di mare, sale iodato, alcune verdure e funghi.

SCOPRI LE MIGLIORI GUIDE PER CURARE L'ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA

Raccomandazioni

  • Mai mangiare funghi che non sono correttamente identificati come non nocivi, non tossici o non velenosi.
  • Cuocere per almeno 5 minuti, alcune sostanze nocive dei (irritanti per l'apparato digerente) funghi scompaiono con il calore della cottura. Non consumateli crudi.
  • Alcuni funghi velenosi anche se cotti rimangono comunque velenosi e pericolosi.
  • Non consumate più di 500 grammi di funghi a settimana. I bambini e le donne incinte non dovrebbero consumare più di 200 g alla settimana, data la presenza di metalli pesanti in essi contenuti.